Riferimenti a leggi, DPR  e sentenze  
Il Consiglio di Stato, nella sentenza n 4223 del 6 settembre 2017 ha dichiarato illegittima la differenziazione della tariffa tra residenti e non residenti.  I coefficienti Ka e Kb utilizzati per la verifica sono quelli indicati nel DPR n.158 del 27 Aprile 1999, se non diversamente indicato.
  Quindi  per i locali ad uso domestico le  tariffe sono calcolate per persona, al m e per giorni di utilizzo dei locali , le tariffe per la parte fissa e per la parte variabile della TARI devono essere uguali sia per i residenti che per i non  residenti. Ai sensi dell'art.1 comma 645, 646, 647, 648, 649 della legge n.147/2013, la superficie tassabile ai fini TARI 80%  della superficie catastale al netto delle mura perimetrali e divisori. Da notare che la TARI fu applicata nel 2014.
  nei regolamenti comunali per la TARI, quelli che ho letto, scritto che per i non residenti si considera la famiglia composta da almeno 3 persone. Questo un errore nel regolamento comunale per  la TARI, se applicato si trasforma nel reato penale di falso ideologico e falso materiale. Il reato conclamato poich l'anagrafe del Comune ha i dati delle famiglie residente e con opportuni accorgimenti anche dei non residenti ma domiciliati. Quindi gli Uffici tecnici dei Comuni dovevano fare queste misure dalle mappe planimetriche, effettuare i dovuti calcoli e trasmetterli all'Ufficio tributi, cosa a quanto sembra non hanno fatto, cosi che l'Ufficio tributi ha tassato l'intera superficie catastale e non l'80% della calpestabile.